02 Il problema metafisico 

Teologia razionale. Il problema definizione dell'essere - sia saul piano sensibile, sia su quello soprasensibile - e delle sue caratteristiche ha da sempre affascinato i filosofi. La prima netta distinzione fra questi due piani della realtà è operata da Platone. Ma è ad Aristotele che si deve la costituzione di una disciplina, la "filosofia prima", che indaga esplicitamente l'essere in quanto essere. Nella successiva sistematisazioen del corpus aristotelico questi scritti vengono denominati "meta" (oltre) "fisica" (il mondo sensibile) e il termine passa a indicare quella partiziome della filosofia che ha per oggetto l'essere e le sue determinazioni fondamentali. Nel corso della storia del pensiero la metafisica è stata, volta a volta, interpretata come teologia razionale, come ontologia, come gnoseologia. 
 

Domande di verifica 

  1. Come si possono definire i significati letterale e analogico del termine metafisica?
  2. Come è stata interpretata la metafisica nella storia della filosofia?
  3. Che cosa intende Aristotele per "filosofia prima"?
  4. Perché per Kant la metafisica ha soprattutto la valenza di gnoseologia?
  5. Perché Heidegger parla di "oltrepassamento della metafisica"?
  6. Come si definiscono le linee essenziali del dibattito contemporaneo sulla metafisica?

Palautetta 

Lähetä palautetta! 


Kirjoita otsikko palautteelle tähän

Kirjoita palauteteksti tähän

Kirjoita nimesi tähän

..ja sähköpostiosoitteesi tähän

Tämän palauteviestin saa Asko Korpela



Asko Korpela 20011217 (20011217) o o AJK kotisivu o AjkFilo